Corsi di formazione per Volontari

CORSI DI LIVELLO BASE

ORGANIZZAZIONE
I corsi di livello base vengono svolti  Presso il centro di Formazione della Misericordia di Poggio a Caiano in modo autonomo secondo le modalità descritte dalla L.R. 25/2001 e succ mod.

REQUISITI PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LIVELLO BASE
Al corso si può accedere al compimento del 16° anno di età, previa presentazione di attestazione medica di idoneità psicofisica al servizio rilasciata in data non antecedente a tre mesi.

DURATA DEL CORSO
20 ore complessive tra lezioni teoriche e pratiche.

ABILITAZIONE
Iscrizione agli appositi registri presso gli Organismi Federativi di riferimento. Il mantenimento in tali elenchi sarà subordinato alla certificazione biennale, da parte dell'associazione di appartenenza, dello status di volontario attivo.

CONTENUTI DEL CORSO
  • Conoscenza dei sistemi di emergenza;
  • Approccio corretto col cittadino infermo o infortunato;
  • Valutazione Stato del paziente e supporto vitale di base;
  • Tecniche di barellaggio;
  • Procedure amministrative.

CORSI DI LIVELLO AVANZATO

ORGANIZZAZIONE
I corsi di livello base vengono svolti  Presso il centro di Formazione della Misericordia di Poggio a Caiano in collaborazione con la UO Centrale 118 ASL 4 di Prato secondo le modalità descritte dalla L.R. 25/2001 e succ mod.

REQUISITI PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LIVELLO AVANZATO
Al corso si può accedere al compimento del 18° anno di età, previa presentazione di attestazione medica di idoneità psicofisica al servizio rilasciata in data non antecedente a tre mesi.

DURATA
La durata del corso è di 95 ore, così suddivise: 25 di teoria, 40 di pratica e 30 di tirocinio; a quest'ultimo si accede solo dopo lo svolgimento delle lezioni teorico pratiche relative alle tecniche di barellaggio.

CONTENUTI DEL CORSO
  • Ruolo del volontario;
  • Aspetti relazionali nell'approccio al paziente;
  • L'organizzazione dei sistemi d'emergenza;
  • Aspetti legislativi dell'attività del soccorritore volontario;
  • Supporto vitale di base e norme elementari di primo soccorso;
  • Il supporto vitale di base pediatrico;
  • Traumatologia e trattamento delle lesioni/supporto vitale nel trauma;
  • Le attrezzature in emergenza sanitaria;
  • Il supporto avanzato con attrezzature specifiche;
  • Problematiche del soccorso in situazioni specifiche socio-sanitarie;
  • I mezzi di soccorso/igiene e prevenzione nel soccorso e sulle ambulanze;
  • Prevenzione antinfortunistica;
  • L'intervento a supporto dell'elisoccorso.

FORMAZIONE AUTISTI

ACCESSO AL CORSO
Essere confratelli volontari di una Misericordia
Aver maturato almeno tre anni di patente B. Non esistono limiti normativi riguardo all'età massima oltre la quale non è possibile guidare un mezzo speciale. Pertanto non è dettato un limite massimo di età per la partecipazione ai corsi autisti. Si suggerisce tuttavia che possano essere considerate un'età non superiore ai 70 anni e le condizioni psico-fisiche dell'autista.
Essere autorizzati alla partecipazione dal Governatore della Misericordia di appartenenza.

PIANO FORMATIVO
I contenuti della formazione sono determinati da Confederazione Misericordie e resi noti agli istruttori autisti mediante i supporti formativi cartacei e/o multimediali.
La durata minima e consigliabile del corso autisti è di 12 ore (10 di teoria in aula + almeno 2 ore di pratica), salvo che norme interne alla singola Misericordia non prevedano un monte ore maggiore. Resta tuttavia la necessità di entrambi i momenti formativi (teorico e pratico).

ABILITAZIONE
Terminato il corso, la Misericordia ospitante il corso si fa carico di avanzare richiesta a Confederazione Misericordie, secondo le modalità richieste, per l'esame teorico. Tale richiesta dev'essere accompagnata da una relazione di ammissione da parte dell'istruttore autista dei partecipanti al corso (non possono essere ammessi all'esame coloro che abbiano frequentato un numero di ore inferiore all'80% e coloro i quali, l'istruttore ritenga non sufficientemente preparati per il superamento dell'esame) e una richiesta da parte dei Governatori delle Misericordia di appartenenza dei partecipanti, ciascuno per i confratelli segnalati al corso.
La verifica teorica è tenuta dal referente nazionale di settore (la verifica è effettuata dal responsabile nazionale per elevare complessivamente il livello di istruzione degli autisti formati. La presenza degli istruttori agli esami diventa così anche per loro un ulteriore momento di approfondimento). Al termine dell'esame viene redatto un verbale che dev'essere comunicato a Confederazione secondo le modalità richieste. Gli uffici confederali, verificata la rispondenza alle presenti indicazioni organizzative, autorizzano lo svolgimento della prova pratica dandone comunicazione per iscritto.
La prova pratica è tenuta dall'istruttore autista che ha tenuto il corso, affiancato da almeno un altro istruttore abilitato che non abbia confratelli esaminati o da esaminare nella sessione. Al termine della prova pratica viene redatto un verbale a cura degli istruttori autisti e comunicato a Confederazione secondo le modalità richieste. Gli uffici, verificata la rispondenza alle presenti indicazioni organizzative, comunicano per iscritto l'avvenuta iscrizione nell'albo confederale degli autisti.
Gli autisti dovranno sottoporsi a sessioni di re-training periodiche, condotte a cura degli istruttori autisti, in ogni caso almeno ogni due anni. La sessione di re-training termina con una verifica solo teorica condotta dall'istruttore organizzatore del re-training, affiancato da almeno un altro istruttore abilitato che non abbia confratelli esaminati o da esaminare nella sessione. Agli autisti che non abbiano frequentato il re-training viene sospesa temporaneamente l'abilitazione confederale. A tali autisti dev'essere comunque concessa annualmente la possibilità di frequentare una sessione di recupero valevole come re-training, fatto che ri-abilita l'autista nell'iscrizione all'albo confederale. La mancata partecipazione anche alla sessione di recupero comporta la perdita definitiva dell'iscrizione all'albo. È cura degli istruttori e dei Governatori delle Misericordie interessate dare comunicazione secondo le modalità richieste da Confederazione, dello svolgimento dei re-training, dei partecipanti ad essi, delle assenze che comportano sospensione ovvero cancellazione dall'albo autisti. La Confederazione si riserva la possibilità di effettuare a campione verifiche sul corretto svolgimento del re-training. La Misericordia al proprio interno può prevedere un diverso termine di mantenimento dell'abilitazione di autista ai fini della permanenza in servizio presso la Misericordia come confratello effettivo, fermo restando il termine previsto per il mantenimento dell'iscrizione nell'albo confederale di autisti.